logo-giornaliste-header
Edit Content

Chi siamo

Il Forum è nato dalla giornalista Marilù Mastrogiovanni ed è organizzato da Giulia Giornaliste e dalla cooperativa IdeaDinamica, con l’obiettivo di “creare ponti, abbattere muri: promuovere una riflessione sul giornalismo delle giornaliste investigative, come presidio di Democrazia, dunque di Pace”.

Contatti

[fullwidth background_color=”#ffffff” background_image=”” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ background_repeat=”no-repeat” background_position=”left top” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_webm=”” video_mp4=”” video_ogv=”” video_preview_image=”” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_mute=”yes” video_loop=”yes” fade=”no” border_size=”0px” border_color=”” border_style=”solid” padding_top=”20px” padding_bottom=”20px” padding_left=”20px” padding_right=”20px” hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” hide_on_mobile=”no” menu_anchor=”” class=”” id=””][fusion_text]

asmae forumAsmae Dachan, la collega italo-siriana che ha partecipato ai lavori del Forum delle giornaliste del Mediterraneo (Bari-Lecce, 23 e 24 novembre 2016) ci ha affidato l’appello del medico legale Abu Jafar da Aleppo. Il messaggio è arrivato ad Asmae attraverso i canali di comunicazione social alternativi, come per esempio gruppi su whatsapp, che consentono alla giornalista di monitorare e comunicare 24 ore su 24 in tempo reale con le comunità siriane di medici e attivisti.
Attraverso questi canali Asmae apprende direttamente dalle fonti i nomi delle persone ferite, il numero e i nomi delle persone decedute, i luoghi dei bombardamenti. E’ un continuo bollettino di morte ed un continuo grido d’aiuto che arriva direttamente dalla Siria, attraverso whatsapp.

Dice Abu Jafar: “Mi chiamo Abu Jafar e sono un medico legale di Aleppo. Lancio un SOS, questo potrebbe essere il mio ultimo appello. Chiedo alla Comunità internazionale,  ai giornalisti, alle organizzazioni per i diritti umani di fare tutto il possibile per fermare il massacro in corso ad Aleppo. Ci sono morti ovunque, stanno colpendo gli ultimi sopravvissuti e persino le pietre. Abbiamo bisogno di voi, abbiamo bisogno del vostro aiuto come esseri umani. Forse questo è l’ultimo appello che lancio ai Paesi del mondo. Mi rivolgo a chiunque abbia a cuore il nostro destino, a chi lavora per i diritti umani, agli osservatori. Fermate il massacro. Aleppo sta morendo ed esala i suoi ultimi respiri”.

8 dicembre 2016 Aleppo

[/fusion_text][/fullwidth]

Condividi
Giornaliste.org

Leave a Reply